Arredamento, il 2019 segna la fine delle stravaganze di colore - Nozze in Fiera 4-5-6 e 11-12-13 Ottobre 2019
16302
post-template-default,single,single-post,postid-16302,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Arredamento, il 2019 segna la fine delle stravaganze di colore

Arredamento, il 2019 segna la fine delle stravaganze di colore

Chi decide di sposarsi sa molto bene che non c’è solo il problema di organizzare il matrimonio ma anche quello di arredare la nuova casa comune. Il 2019 ha portato, anche nel design, una ventata di novità: dall’uso di materiali ecocompatibili e naturali, alla scoperta di nuove soluzioni salvaspazio per finire con il ritorno a tinte neutre.

La prima novità è senz’altro la riscoperta della ‘zona giorno’, l’area living che è la più vissuta dell’abitazione. Salone e cucina uniti sono ormai una delle soluzioni preferite anche dai costruttori di nuove abitazioni che mirano al risparmio dei costi di costruzione per una riduzione anche del prezzo ai nuovi proprietari. Il living è così diventato routine anche se, in questi primi mesi del 2019 si è assistito ad una duplice tendenza: da un lato la riscoperta della triplice ‘divano-tavolino-tappeto’ e, dall’altro, l’installazione di elementi divisori dove, a farla da padrone, è il vetro materiale preferito per separare, con discrezione e in maniera non appariscente, gli interni senza ostacolare la luce tra le stanze.

 

Un nuovo uso della libreria pare essere il tratto comune alle case arredate in questo 2019. Sempre meno richieste per librerie a muro vecchio stile, spazio alla fantasia, con le librerie angolari incastonate direttamente nella muratura e alle librerie double face utilizzate per separare il living room, cucina e salone, rendendola funzionale per entrambi gli spazi. Da non sottovalutarne anche l’uso come testiera del letto.

 

In una casa con gli spazi già ridotti, fino ai 100 metri quadrati, diventa fondamentale il recupero degli spazi domestici. Se avete già provato a guardare verso l’alto con soppalchi e contro-soffittature non vi resta che abbassare lo sguardo. Prosegue la diffusione dei letti con cassone, utile a contenere le cose più svariate, e l’installazione di pedane sotto il pavimento.

 

Il 2019 è il trionfo dello stile ‘rustrial’ metà strada tra il rustico e l’industriale. Tradotto in termini di materiali significa una casa realizzata con elementi in cemento e ferro, tipici dell’industria, e in legno naturale, tipico del rustico. Accanto a questo stile da loft metropolitano si registra anche un ritorno al minimal, a volte anche troppo eccessivo, e al retrò di lusso con l’innesto di elementi che richiamano l’antico, come marmo e tessuti pregiati, applicati su mobili moderni.

I colori forti e sgargianti cedono il passo alle tendenze neutre. Pantone detta i toni da utilizzare senza eccesso: il 2019 è l’anno del living coral dunque qualche tocco di colore ve lo potete ancora concedere!