L'abito della damigella: ecco i 6 consigli per una prova perfetta - Nozze in Fiera 4-5-6 e 11-12-13 Ottobre 2019
16492
post-template-default,single,single-post,postid-16492,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive,elementor-default

L’abito della damigella: ecco i 6 consigli per una prova perfetta

L’abito della damigella: ecco i 6 consigli per una prova perfetta

Sebbene si tratti di una tradizione non proprio italiana, anche in Italia si sta diffondendo sempre più l’usanza di scegliere una damigella (o anche più di una) in grado di assistere la sposa dalla ricerca dell’abito bianco alla cerimonia. Ecco quindi nascere l’esigenza di un abito da damigella per ogni prescelta.

Quasi sempre, ovviamente, la scelta ricade sulle migliori amiche, proprio perché è importante che ci sia un legame profondo e basato sulla complicità. L’affiatamento potrebbe però venire messo a dura prova durante la prova dell’abito da sposa, che coincide spesso con la scelta dell’abito delle damigelle.

La sposa è sempre al centro dell’attenzione

Anche se l’appuntamento in atelier è stato fissato per scegliere appositamente l’abito da damigella, è meglio ricordarsi che la protagonista è comunque la sposa. Cercate di supportarla e di comprendere le sue idee, sebbene possano non coincidere con le vostre. Confortatela se vi sembra dubbiosa e non criticate le sue scelte: un giorno toccherà a voi decidere gli abiti delle vostre damigelle!

Niente malumori con le altre damigelle

Se la sposa ha scelto più di una damigella, può darsi che non tutte si conoscano bene tra di loro. Prendetela come un’opportunità per approfondire un’amicizia ed evitate accuratamente qualsiasi tipo di dramma. Se percepite una tensione su qualsiasi cosa, cambiate subito argomento. Chi l’ha detto che tante donne insieme non possano andare d’amore e d’accordo?

Non discutete sul colore e sul modello dell’abito da damigella

Capita che sia la sposa a pagare per gli abiti da cerimonia, ma per quanto riguarda la tradizione italiana spesso ognuna paga il suo vestito. In questo caso il galateo suggerisce alla sposa di lasciare maggiore libertà di scelta.

Tuttavia consigliamo ad ogni damigella di accettare il colore ed eventualmente il tipo di modello indicato, ovviamente puntando su qualcosa che possa essere riutilizzato. Certo, se pensate di non sentirvi a vostro agio nel modello corto e senza spalline richiesto dalla sposa, fateglielo presente con molto garbo: lei vi capirà.

Scattate foto ricordo e condividetele

Approfittate della prova dell’abito da cerimonia per creare ricordi che restino per sempre nei vostri cuori. Scattatevi delle foto insieme e magari postatele sui social media con un hashtag particolare, come #vitadadamigella o #oggiNONmisposo. E, ovviamente, cercate di non mostrare in anticipo l’abito scelto: anche le damigelle devono mantenere un po’ di mistero sul look scelto per il matrimonio delle loro migliore amica!

Risparmiare non è un peccato

Sia nel caso che sia la sposa a pagare che la damigella, è importante tenere d’occhio le spese per l’abito. Per questo motivo Sposae vi viene incontro con una selezione di abiti da cerimonia unici, ma con prezzi piccoli piccoli.

Se è la damigella a pagare il suo vestito, meglio comunicare subito alla sposa il proprio budget, per essere certi di non dover affrontare una spesa troppo grande.

Chiedetele di parlarne in privato, prima dell’appuntamento, per essere certe di essere sulla stessa lunghezza d’onda.

Approfittatene per organizzare una giornata speciale

Così come la prova dell’abito da sposa, anche quella dell’abito da damigella può diventare occasione per festeggiare. La sposa potrebbe fare una sorpresa alle sue amiche, prenotando una visita alle terme, oppure viceversa. E niente stress: prendetelo come un modo alternativo per stare insieme…

(www.sposae.com)