MATRIMONI NEL MONDO. Sposarsi in India: 8 varianti per celebrare l'amore - Nozze in Fiera 01-02-03 e 08-09-10 Ottobre 2021
16458
post-template-default,single,single-post,postid-16458,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive,elementor-default

MATRIMONI NEL MONDO. Sposarsi in India: 8 varianti per celebrare l’amore

MATRIMONI NEL MONDO. Sposarsi in India: 8 varianti per celebrare l’amore

Il matrimonio indù viene chiamato Vivaha ed è un istituzione molto sentita, colorata e partecipata, caratterizzata da rituali e durate che variano da regione a regione.  La cerimonia nuziale vera e propria è detta Vivaah sanskar in India del nord e Kalyanam in India del sud. Gli induisti attribuiscono molta importanza al matrimonio.

Ad accomunare le diverse tipologie di matrimonio sono tre riti principali comuni, il Kanyadaan, il Panigrahana e lo Saptapadi: nel primo la figlia dice addio al padre, nel secondo si tiene simbolicamente la mano vicino al fuoco in segno di unione e nel terzo gli sposi fanno sette giri facendosi sette promesse. Il fuoco è l’elemento simbolicamente più importante di tutta la cerimonia, che si svolge quasi sempre in sanscrito, la lingua per le cerimonie religiose in India, ma possono essere usate anche le lingue locali degli sposi.

La durata dei matrimoni indiani varia a seconda delle preferenze e delle disponibilità economiche delle rispettive famiglie e dipende dalla scelta o meno di organizzare diverse cerimonie pre e post-matrimonio. Ad esempio, prima della cerimonia del matrimonio si può organizzare la cerimonia di fidanzamento, con conseguente corteo dello sposo presso la casa della sposa.

Dopo la cerimonia nuziale invece possono svolgersi diverse cerimonie per accogliere la sposa nella nuova casa. Tuttavia per legge, nessuno matrimonio può dirsi celebrato senza la cerimonia dei sette giri in presenza del fuoco sacro.

Le 8 tipologie di matrimonio indù

L’antica tradizione e letteratura indù stabiliscono che che esistono otto tipologie di matrimonio:

Matrimonio Brahma – si tratta della forma di unione più diffusa ancora oggi, ed è considerata la più appropriata tra le otto. In questo caso, il padre della sposa propone ad un uomo di sua selezione la ragazza in sposa. Di comune accordo, le due famiglie si icontrano e la ragazza viene donata in sposa e accettata.

Matrimonio Daiva – questo secondo tipo di matrimonio si svolgeva in tempi antichi e non è oggi più in uso: il padre dava la propria figlia in dono sacrificale ad un prete.

Matrimonio Arsha – nel matrimonio Arsha, lo sposo dona una mucca e un toro al padre della ragazza, in cambio il padre dà la figlia in sposa all’uomo. Per quanto discutibile, questa pratica è considerata appropriata dalla comunità indiana. In cambio, lo sposo promette solennemente di provvedere al sostentamento della famiglia.

Matrimonio Prajapatya – in questa sorta di matrimonio civile, la coppia si scambia alcuni mantra in sanscrito.

Questi quattro tipi di matrimonio sono approvati dall’induismo, ne esistono poi altri quattro che vengono considerati inappropriati, di cui due accettabili e due inaccettabili.

I due accettabili sono:

Matrimonio Gandharva – la coppia convive per amore, senza cerimonie religiose.

Matrimonio Asura – in questo caso, lo sposo offre al padre della sposa una dote, il padre la accetta, ovvero vende la propria figlia. Questo tipo di matrimonio viene considerato inappropriato perchè potrebbe indurre all’avidità e causare unioni tra persone appartenenti a classi sociali diverse.

Ci sono poi due tipologie di matrimoni che sono inappropriati e inaccettabili, anche se i figli nati da queste unioni sono considerati legittimi. Si tratta di:

Matrimonio Rakshasa – lo sposo rapisce la donna contro la volontà sua e della famiglia.

Matrimonio Paishacha – lo sposo prende una donna inconsciente, perchè ubriaca o drogata.

RITUALI PRINCIPALI DEI MATRIMONI IN INDIA

I matrimoni indù presentano varianti in base alle diverse zone e regioni in cui si svolgono o alle disponibilità economiche delle famiglie.

Comunque, i riti principali sono tre e sono comuni a tutti i matrimoni indù:

Kanyadaan – è la parte della cerimonia in cui il padre dona in sposa la figlia al marito, la figlia saluta il padre.

Panigrahana – lo sposo prende la mano della sposa, e le mani unite vengono tenute vicino al fuoco a simbolo della nuova unione.

Saptapadi – è il rito che definisce e rende valido il matrimonio. Anche chiamato rito dei sette giri, prevede che gli sposi facciano appunto sette giri scambiandosi sette voti, spesso vicino ad un fuoco sacro.

L’ABBIGLIAMENTO DELLA SPOSA INDIANA

Le spose indiane sono bellissime e si presentano ai futuri mariti maestosamente abbigliate, indossando una gonna ricamata detta lehnga o un sari. L’abito da sposa è generalmente rosso o d’oro, soprattutto perchè il rosso è considerato di buon auspicio. Il velo sulla testa della sposa simboleggia verginità e modestia.

La vestizione della sposa si compone di varie fasi.

  1. Vestito da sposa: può essere, come detto, una gonna riccamente ornata o un sari ricamato. Una volta scelto l’abito, si scelgono gli accessori da abbinare.
  2. Acconciatura: anche detta Kesh, l’acconciatura prevede che i capelli siano legati in maniera armonica con la decorazione dell’abito. Questa sorta di treccia si compone di tre parti, ciascuna simbolo di un diverso fiume sacro dell’India, rispettivamente Gange, Yamuna e Saraswati. L’abito è decorato con fiori disposti in uno schema detto Gajra e un gioiello sulla fronte detto Maang tikka.
  3. Gioielli e disegni all’hennè: Le Haar sono le collane che la sposa indossa il giorno del matrimonio, di solito composte da oro e diamanti con disegni molto elaborati. Una delle collane che il marito mette al collo della sposa è invece il Mangalsutra, che simboleggia il fatto che la donna è diventata moglie. I bracciali d’oro che la sposa indossa si chiamano Choodiyan e sono augurio di lunga vita per lo sposo. Ci sono anche i Baajuband, di diamante, d’oro o d’argento, che servono a proteggere dal male. Alle orecchie si indossano pesanti orecchini, i Karnphool, spesso resi più leggeri da una catenina fissata ai lati delle orecchie. Sulle mani e sui piedi la sposa mostra elaborate decorazioni all’hennè, dette Mehendi. Ai piedi la sposa indossa il Payal, una cavigliera con campanelli, mentre l’anello Bichuas indica che la donna è sposata e viene portato sul secondo dito del piede. Sul pollice la donna porta generalmente anche l’Aarsi, un anello con uno specchio incastonato.
  4. Cintura: La cintura che cinge la vita della sposa si chiama invece Kamarbad, di solito dorata con pietre.
  5. Nath: il Nath è un grosso anello che si porta alla narice destra, spesso abbellito da pietre preziose e collegato con una catenina all’orecchio destro.

Per concludere la preparazione della sposa, ecco l’Itar, un profumo che viene spruzzato sulla pelle per mantenersi fresca e profumata per tutta la durata dei festeggiamenti.

(vivitravels.com)