Tutto quello che c'è da sapere prima di pronunciare il fatidico sì - Nozze in Fiera
931
single,single-post,postid-931,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Tutto quello che c’è da sapere prima di pronunciare il fatidico sì

mat

Tutto quello che c’è da sapere prima di pronunciare il fatidico sì

Sposarsi e iniziare una vita insieme è inventare un orizzonte nuovo, dove condividere con il partner sogni e paure. I momenti di difficoltà? Fanno parte della relazione, perché esprimere le proprie esigenze e ascoltare i bisogni dell’altro non è facile. Ecco il decalogo per sopravvivere al matrimonio con il sorriso e far crescere il rapporto di coppia.

 

Dieci cose da sapere prima di sposarsi

1 NON È COME PENSI – Qualsiasi cosa tu abbia in mente lascia perdere: andrà diversamente da come lo avevi immaginato. Un consiglio? Evita di costruire castelli in aria con le aspettative che nutri verso di voi o la vostra casa: affrontare le cose momento per momento e godersi il presente ti renderà enormemente più felice.

 

2 PUOI FARCELA – Uno degli errori più grandi è dimenticarsi che al proprio fianco non c’è solo un ruolo, ma la persona che ci ha fatto innamorare, ridere, fare pazzie. Ci saranno momenti in cui la quotidianità avrà il sopravvento sulla spontaneità, ma… Mai smettere di parlarsi con il cuore! Ascolta l’altro, presta attenzione a cosa ti sta comunicando al di là delle parole. Imparare a dire ciò che non va con diplomazia e chiarezza è un allenamento costante e un’immensa risorsa per la coppia, ricordalo.

 

3 SESSO… O NO – Vivere nella stessa casa implica che ci si veda molto più spesso rispetto a prima. Raffreddore, bollette e stanchezza a volte possono demolire ogni desiderio sessuale, ma attenzione a non abbandonare l’altro, né dimenticarci del nostro lato seduttivo. Il rischio? Quando ci si accorge che la distanza creata è ormai incolmabile di solito è già troppo tardi.

 

4 COSTRUIRE IL DIALOGO – Ogni coppia nasconde due persone… diverse! Ognuno ha il proprio carattere, per questo ci vuole pazienza (tantissima), ascolto e capacità di rispettare le differenze. Invece di aggredire il partner o rinfacciare vecchi eventi prova a spiegare come ti senti tu: migliorerà la comunicazione.

 

5 GESTIONE DEGLI SPAZI – La casa non è di uno o dell’altro, ma di tutti coloro che ci vivono, bambini compresi. Per costruire uno spazio di intimità, allegria e calore autentico è importante che ognuno si senta a proprio agio. Esprimi le tue preferenze e lascia che il partner faccia lo stesso: meglio uno stile coloratissimo e bizzarro che tenga conto dei desideri di entrambi, anziché una dimora fredda e perfetta.

 

6 UN’ORA PER TE – Coltivare una passione o semplicemente avere un momento per sé è fondamentale per l’equilibrio a due. Che sia il laboratorio d’arte, la piscina o l’aperitivo con i colleghi imparare a godere del tempo libero ha effetti positivi su di sé e sull’altro: aiuta la creatività e aggiunge leggerezza al rapporto.

 

7 ACCETTA IL CAOS – In alcuni momenti la casa sembrerà devastata da un uragano e con l’arrivo dei figli potrebbe diventare anche peggio. Esprimere i propri bisogni e discutere in modo da migliorare l’organizzazione è più che giusto. Attenzione, però: il perfezionismo avvelena la quotidianità. Goditi il disordine… e l’amore!

 

8 PURA CONDIVISIONE – Amare qualcuno significa aiutarlo a essere felice, al di là delle scelte personali. Cercate di ritagliarvi i vostri spazi e al tempo stesso fatelo in modo dolce, evitando battute maliziose o ripicche, con l’entusiasmo sano di chi sa seguire le proprie passioni. Attenzione, mai far sentire l’altro escluso, bensì, al contrario, è importante aiutarlo a capire che è sempre il benvenuto, senza tabù, né segreti. Addio alle gelosie inesistenti e i litigi che rievocano cose ormai del passato: è il momento di fare un salto di qualità per la vostra storia.

 

9 RIDERE – Il sistema di ruoli rischia di schiacciare la spontaneità del rapporto: sii indipendente e impara a non pretendere dall’altro ciò che tu stessa puoi realizzare per te, ascolta il cuore. Il potere di una risata è immenso e direttamente proporzionale a quanto la giornata è andata storta. Ricordatevi di ridere, ogni giorno, darvi un bacio sulle labbra prima di uscire e addormentarvi abbracciati sul divano ogni volta che si può.

 

10 FALLO ADESSO – È il momento giusto per dirvi tutto, soprattutto le cose antipatiche. Tanti litigi (e divorzi!) si basano sull’errata convinzione che il matrimonio ci trasformi in persone nuove. Questo è vero, ma solo in parte: in fondo rimaniamo le persone che siamo sempre state. Sedersi a tavolino e discutere vi aiuterà a partire con una marcia in più. Avere o no dei figli, il tipo di educazione dei pargoli, chi cucinerà o come verranno organizzate le pulizie: dalle domande più banali ai grandi quesiti, meglio chiarirsi subito. Il matrimonio ha bisogno di coraggio, onestà. E un sorriso.

(tgcom24)